Di Helena Molinari
Che l’ Epifania tutte le feste si porta via eppure quest’anno più degli altri anni mi aggrappo alla cometa, alla lucina, al nastro sfilacciato del Natale che si fa gioco a brandelli tra zampe di gatto, mi aggrappo e veglio con il capo avvolto dal manto bianco delle greggi a contemplare,
mi aggrappo, con le scatole aperte e pronte a riporre i segni, eppure mi aggrappo e non ci sto!
Lascerò la nicchia accesa e i magi a riposare e ninnare ancora un po’.
Camminerò perché cammino impigliandomi a formicai o più su a nidi perché ne ho bisogno, perché lì si può rinascere.
Helena ha scritto per Pentagora: ‘Emma