Autore

Alessandro Marenco

Facciamo…

Quando ero bambino facevo finta. Ad esempio facevo che ero il guerriero con la spada, dove la spada era un pezzo di legno. Oppure facevo l’astronauta, per mezzo di un oblò di lavatrice incastrato nelle fessure di una vecchia baracca…. Continua a leggere →

Paolo Sanzazervé

Di Gianni Priano   Garitta era brutta, brutta forte. Stava alla Cascinatta con Paolo Sanzazervè, che l’ aveva sposata dopo che gli era morta la prima moglie. Non era solo brutta, Garitta. Era anche storta, deforme. E Lisa, mia bisnonna… Continua a leggere →

Partecipiamo

Letture estive

I classici Sonzogno avevano la copertina azzurra e costavano una lira; la Biblioteca Universale aveva la copertina giallognola, con una figura d’angelo che dava fiato a una tromba, e offriva, in cento pagine, per trenta centesimi, una vertiginosa raccolta di… Continua a leggere →

Il declino della letteratura

Walter Siti ha dato alle stampe il suo ultimo scritto: “Contro l’impegno”. L’autore fa notare come la letteratura si sia progressivamente spianata sul bello, sul buono, sull’onesto. Oggi, prima di essere letteratura, l’opera deve rispondere a precisi requisiti: deve essere… Continua a leggere →

Turpiloquio

Mi par di ricordare che in televisione fossero particolarmente severi nella scelta delle parole. Non solo le più audaci, ma anche quelle che avrebbero potuto essere intese come tali (dato il contesto) andavano spente, mediate, ricollocate. Questo modo un po’… Continua a leggere →

Il giorno della memoria

Oggi, 27 gennaio, è il Giorno della Memoria. La testimonianza diretta dei campi di sterminio nazisti, da sempre rara e labile, è ora quasi scomparsa. Tra non molto, per forza di natura, non ci saranno più testimoni diretti. Ma se… Continua a leggere →

Il mercato delle cure

Complice la stagione invernale e i suoi malanni, ancor più complice la pandemia, gli spazi pubblicitari più o meno espliciti sono quasi saturi di messaggi riguardanti due generi di medicamenti: quelli curativi di tipo erboristico e quelli per integrare la… Continua a leggere →

Recensione a: ‘Due passi fuori dalla civiltà’

Dal blog di Roberta Maresci   Volete scaricare l’energia che vi sentite addosso? Fate come Carlo Pagani, il maestro giardiniere che, con la naturalista Mimma Pallavicini, ha appena sfornato il suo ultimo libro “Due passi dalla civiltà” (Pentàgora, pagg. 221,… Continua a leggere →

Nominare l’omosessualità

Nella civiltà di un tempo, nota a chi ha più di quarant’anni, c’era un nome preciso, in dialetto, per designare gli omosessuali. In ligure si dice: buliccio. Immaginavo che l’etimologia fosse in qualche modo legata al bull anglosassone, che vuol… Continua a leggere →

© 2021 Il Blog di Pentagora — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑