di Alberto Grandi (da Wired)

Gialli banali e malscritti, autori presuntuosi e autoriferiti che scrivono molto ma leggono poco, trame preformattate e prevedibili, imitazioni – spesso dozzinali – dei modelli letterari più commerciali (quelli statunitensi al primo posto)