Dedicato a chi si propone

Articolo evidenziato

Da sette anni coltivo Pentàgora, quasi otto: in alcuni periodi sono giunte due proposte la settimana, persino tre, e quante in questi anni ne siano arrivate e siano state respinte io non saprei più dire. Tante le proposte ingenue, alcune… Continua a leggere →

I luoghi della scrittura

Succede ogni volta. Eppure ogni volta è vertigine e stupore. Dal luogo fisico in cui ci si sorprende a scrivere… i più disparati, fermi o in movimento ai luoghi in cui la scrittura conduce. Ogni scrittore è a sé, ogni… Continua a leggere →

Discola alla radio

Quello che segue è il link ad una trasmissione di radio Blackout, La Nave dei Folli,  andata in onda o il 28 luglio e che contiene, oltre ad altri materiali,  l’intervista realizzata in Val Pellice sui temi di Illich, dopo… Continua a leggere →

Casa con giardino

  Il quadro della mia infanzia è una casa con il giardino. È da sempre appeso al muro e se soffio – piano – i segni del tempo scivolano via. Non era grande il giardino intorno alla casa, ma la… Continua a leggere →

Come sa essere

Per dire come sa essere la campagna, qui da noi, occorrerebbero metri di filo steso, balle di stoffa spiegata e stirata con le mani, senza l’aria a fare gioco. Bisognerebbe pensare in orizzontale, fermarsi allo strato più basso e scrivere… Continua a leggere →

A voce alta: Preludi e deliri

Una lettura assaggio del nuovo romanzo di Roberto Caracci, acqustabile QUI

Punti di vista

Punti di vista; perché se lo spazio verde di un prato o quello di cime al pascolo, di nevi sconfinate, che basta un mandillo bianco a farti dimenticare contorni e colori è uno spazio che trasogna e attutisce, sia che… Continua a leggere →

Restare uomini, nonostante

Il 16 giugno 1944 le fabbriche del ponente genovese furono circondate da soldati tedeschi e dagli uomini in divisa della autoproclamata Repubblica Sociale. Vennero reclutati a forza quasi 1500 persone, all’improvviso, senza dar loro il tempo di prepararsi un bagaglio,… Continua a leggere →

Una storia da vedere

Un bellissimo cartone animato dalla Russia del 1975, dalla pagina Facebook “Italia-Russia” https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2905979982833898&id=331794066919182

A voce alta (Zena legge Felice)

Ecco un’altra lettura a Voce Alta. Questa volta parliamo di “Non ho tempo per la fretta” di Felice (Rosario Colaci), letto dalla voce armoniosa di Zena Roncada.   Il libro si può trovare QUI. Zena Roncada ha scritto per Pentagora:… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Il Blog di Pentagora — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑