Dedicato a chi si propone

Articolo evidenziato

Da sette anni coltivo Pentàgora, quasi otto: in alcuni periodi sono giunte due proposte la settimana, persino tre, e quante in questi anni ne siano arrivate e siano state respinte io non saprei più dire. Tante le proposte ingenue, alcune… Continua a leggere →

La porta accanto

Certi autori non ci bastano. O meglio, non ci basta leggerli, vorremmo trovare il modo per dialogare con loro, alla ricerca di un senso più profondo e toccante della loro opera. Anche per questo c’è bisogno di coinvolgere l’opera poetica… Continua a leggere →

I primi del mese

Ribolle, il calderone Pentagora. Ribolle di novità e di riedizioni. Alessandra Scurati intreccia parole narrate alle poesie di Alda Merini, in La porta accanto. Tra i versi di Alda Merini. Massimo Angelini raccoglie in un saggio gli eventi straordinari legati… Continua a leggere →

La stagione adatta per un libro

Sarà l’autunno, ma mi viene voglia di riprendere questo libro, tra i più belli di quest’anno. Avevo già letto testi sull’argomento: raccolte di tombe, lapidi, parole di personaggi illustri. Questo di Elisabetta Cacioppo e Massimo Tafi è una collezione di… Continua a leggere →

Almanacco Rurale Tascabile per il 2021

Puntuale come l’inverno arriva anche quest’anno l’Almanacco. Oltre ad essere un calendario, è una raccolta di informazioni, tracce, detti, consuetudini, esperienze empiriche, popolari, sapienziali, siderali. 10 x 15 cm, 128 pagine. Costa solo 5 euro e può essere la mappa… Continua a leggere →

Distanze

Distanze contingentate, che pochi sono gli spazi e quasi esclusivamente all’aperto ad accogliere i nostri libri e quasi per nulla al chiuso. Niente dediche e quel firma copie sterile che sa tanto di autografo e chi sei tu per autografarti… Continua a leggere →

Nuova edizione per “Ecologia della parola”, 30 pagine in più!

Ci sono libri che giacciono, pesanti, su scaffali e ripiani. Si leggono quasi per senso del dovere, anche se non ci entusiasmano. Da quache parte abbiamo appreso che si tratta di una lettura imprescindibile. Ma il testo è pietra, o… Continua a leggere →

Si può non leggere

Chiariamo una cosa: leggere non è indispensabile. Siamo (quasi) tutti d’accordo. Quel che è sempre stato indispensabile all’uomo da quando è tale è la narrazione, il racconto, l’epica, la letteratura. Chiamiamola come vogliamo (consentitemi un po’ di approssimazione), all’inizio era… Continua a leggere →

Buonsenso

Che ne è stato del buonsenso? Una parola semplice, pulita, che semplificherebbe di molto tanto della vita. L’unione di due termini di fatto: l’aggettivo “buono” e il sostantivo “senso”. “Buono” è una scelta, una possibilità. Il “senso” è articolato, è… Continua a leggere →

I libri di Pentàgora

i nostri libri si possono riconoscere facilmente … perché hanno un solo, comune formato (11,3 x 18); riflettono un solo modello di copertina (benché distinto in differenti colori: tanti quante le linee e le tematiche delle quali ci occupiamo); seguono… Continua a leggere →

Questioni di genere

Tra le grandi e piccole malabitudini che affliggono la pratica della scrittura – come scrivere se stesso invece di sé stesso o preferire la forma storpia io e te (in voga solo dagli anni 1960) alla corretta io e tu … Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Il Blog di Pentagora — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑