Dedicato a chi si propone

Articolo evidenziato

Da sette anni coltivo Pentàgora, quasi otto: in alcuni periodi sono giunte due proposte la settimana, persino tre, e quante in questi anni ne siano arrivate e siano state respinte io non saprei più dire. Tante le proposte ingenue, alcune… Continua a leggere →

Si può non leggere

Chiariamo una cosa: leggere non è indispensabile. Siamo (quasi) tutti d’accordo. Quel che è sempre stato indispensabile all’uomo da quando è tale è la narrazione, il racconto, l’epica, la letteratura. Chiamiamola come vogliamo (consentitemi un po’ di approssimazione), all’inizio era… Continua a leggere →

Buonsenso

Che ne è stato del buonsenso? Una parola semplice, pulita, che semplificherebbe di molto tanto della vita. L’unione di due termini di fatto: l’aggettivo “buono” e il sostantivo “senso”. “Buono” è una scelta, una possibilità. Il “senso” è articolato, è… Continua a leggere →

I libri di Pentàgora

i nostri libri si possono riconoscere facilmente … perché hanno un solo, comune formato (11,3 x 18); riflettono un solo modello di copertina (benché distinto in differenti colori: tanti quante le linee e le tematiche delle quali ci occupiamo); seguono… Continua a leggere →

Questioni di genere

Tra le grandi e piccole malabitudini che affliggono la pratica della scrittura – come scrivere se stesso invece di sé stesso o preferire la forma storpia io e te (in voga solo dagli anni 1960) alla corretta io e tu … Continua a leggere →

Alfio e i libri

Alfio è un amico un po’ vanesio, di quelli che ama mettersi in mostra. Tutto quel che fa è speciale, unico, raro. Però è anche una persona simpatica, amabile e questo suo egocentrismo non equivale ad un egoismo ingombrante. Alfio… Continua a leggere →

I librai che ci piacciono

Mercoledì 12 agosto a Roburent, un comune montano nel comprensorio di Mondovì, si è svolta la presentazione del pentagoriano libro di Nicola Duberti: “L’innocenza del lupo”. L’incontro pubblico è stato seguito da un pubblico numeroso e partecipe. Massimo Maio, libraio… Continua a leggere →

Gioghi di parole visto da Gianpaolo Castellano

Un sillabario di luoghi, personaggi ed eventi minimi a cavallo tra il mare di Genova e le colline di Ovada e dell’Alto Monferrato, sulle rive dell’Orba selvosa. L’autore si accompagna ai ricordi di famiglia, di paese, di villaggio, di collina… Continua a leggere →

Cimitero di Santa Maria Maggiore

Di Fulvio Belmonte Fermo davanti al supermercato aspetto – pare un secolo, ma sono pochi minuti – che mia moglie torni con la spesa. Osservo chi entra ed esce con carrelli o borse pieni di roba, il viavai di auto… Continua a leggere →

I luoghi della scrittura

Succede ogni volta. Eppure ogni volta è vertigine e stupore. Dal luogo fisico in cui ci si sorprende a scrivere… i più disparati, fermi o in movimento ai luoghi in cui la scrittura conduce. Ogni scrittore è a sé, ogni… Continua a leggere →

Discola alla radio

Quello che segue è il link ad una trasmissione di radio Blackout, La Nave dei Folli,  andata in onda o il 28 luglio e che contiene, oltre ad altri materiali,  l’intervista realizzata in Val Pellice sui temi di Illich, dopo… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Il Blog di Pentagora — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑